Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto

Progetto EcoAcquario

Stampa

EcoAcquario a Sorrento 2006

Postato in EcoAcquario

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Stampa

Dopo due anni di presenza nel Centro Pastorale N.S. di Lourdes abbiamo pensato di creare una struttura più efficiente per ospitare gli organismi ed allo stesso tempo di lasciare la mostra fruibile 24 ore al giorno. Dopo il benestare del Parroco Don Antonino De Maio che gestisce il Centro Pastorale dove siamo ospitati e le approvazioni del caso e da parte del direttivo AIAM la concessione di un contributo di spesa l'11 febbraio abbiamo cominciato l'allestimento.

L'intenzione è di costruire una struttura in metallo  in due sezioni, alta 102,5cm  profonda 45cm e larga 350cm dove poggiate su tavole di abete opportunamente verniciate ci saranno le tre vasche collegate ad un unica sump da 120 ltr per un totale di circa 600 litri.

 

Tutta la struttura sarà rivestita da pannelli verniciati da far sembrare le vasche incassate in una parete. Sono stati lasciati 50cm tra la struttura e la parete posteriore per permettere l'accesso alle vasche dalla parte posteriore. L'accesso a queste vasche sarà chiuso da una porta.

Di seguito pubblicheremo le fotografie dell'allestimento iniziato con il grande Vittorio Nunzet che ha saldato la struttura aiutato da Francesco De Rosa, Michele Palomba, Piero Castellano (www.digisea.it) che sta documentando tutto l'allestimento per poi creare un documentario.

 

 

Vittorio Nunzet con professionalità mette insieme il tubolare quadro da 25x25 per realizzare le due strutture portanti

 

Mentre Francesco De Rosa ed Alessandro Palomba portano il primo supporto in cortile per smerigliare le saldature e poi procedere alla ricopertura con pittura epossidica

Tutte le vasche sono state forate su un laterale corto per permettere di installare un troppo pieno

Per poter forare le vasche è stato necessario rimuovere il coperchio è la flangia è stata quindi ri-sigillata con il silicone

Alle tavole dove poggeranno le vasche è stato realizzato un canale con relativo foro di scolo per l'acqua di condensa che si formerà nelle giornate umide sul vetro frontale. Quindi due mani di vernice per proteggere le tavole dall'acqua.

 Ed ecco Piero Castellano con la sua Sony all'opera

 

 

 

Due vasche sono ormai pronte per essere messe in funzione con la sump (che al momento fa da acquario ad alcuni ospiti che non hanno trovato migliore sistemazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I troppopieno in particolare

 

Nel mentre allestiamo la mostra stabile ci chiamano per allestire una mostra a Villa Fiorentino sempre a Sorrento per una rappresentazione sulla biodiversità. Mostra che sarà fruibile al pubblico ed alle scuole dal 19 marzo 2006 al 9 aprile 2006.

Quindi in tutta fretta abbiamo tagliato del profilato di alluminio che conservavo per momenti importanti (!!!) per realizzare due tavoli sfalsati in altezza di 15 cm. Quindi un porterà un acquario a 100 cm e l'altro ad 85 cm in modo da usare uno scarico della Tunze per mettere in comunicazione le due vasche e quindi con una pompa attarevrso il refrigeratore l'acqua vine portata dalla vasca bassa a quella alta. All'opera si vedono: Francesco De Rosa in livrea grigio nera classica dei "Serranus faticamm", Vittorio Nunzet in jeans (infaticabile maestro ed artista nell'uso di ogni utensile) Michele Palomba in tuta da lavoro azzurra giovane di grandi speranze.

Comincia anche la raccolta di organismi che grazie ad un luogo indicatoci da un grande cultore di EcoAcquario "Marco Granata" che da anni gestisce un favoloso acquario med pieno di favolosi organismi che si procura senza indossare la maschera ma raccogliendoli tra lo scarto della pesca professionale in un luogo dove non potrebbero sopravvivere più di qualche ora.

Il luogo in questione non è quello dove si vede raccogliere gli spirografi buttati sul fondo da ormeggiatori che hanno pulito le cime dei corpi morti per l'ormeggio delle barche ma un laghetto dove vengono ricoverate le barche dei pescatori pieno di spazzatura ed organismi in putrefazione che a causa dei detriti buttati lascia le barche a secco durante le basse maree ed ovviamente tutto quello che è stato gettato in acqua dalla pulizia delle reti.

 

Luca Colutta ci ha portato questo gioiello  consegnatogli dal responsabile stesso LGAcquari che ci ha fatto dono di questa meraviglia sufficiente a filtrare 2000 litri d'acqua senza risentirne. Dopo solo 48 ore abbiamo dovuto pulire il bicchiere di raccolta che aveva estratto 1/2 litro di maleodorante e densamente nero prodotto.  Attualmente le vasche girano senza alcun filtraggio biologico ed è nostra intenzione modificare la sump per accogliere questo schiumatoio ed una serie di spugne per un filtraggio meccanico.  Un sentito ringraziamento a Geppy Apuleo per il graditissimo schiumatoio che farà in modo di far vivere in modo ottimale gli ospiti delle vasche. Per vedere la produzione della LGAquari

 

 

 

 

 

 

Abbiamo iniziato a pannellare la struttura fontale

Sono stati raccolti altri organismi, alcuni dei quali donatoci da acquariofili che se ne volevano disfare

Astrea Rugosa con conchiglia ricoperta da Cladocora caespitosa

02 maggio 2006

La pannellatura é ormai completata ed anche le foto di Francesco Rastrelli sono sistemate.

Mancano solo le schede degli organismi.

 

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.