Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto

Progetto EcoAcquario

Stampa

Nel blu dipinto di blu - 2010

Postato in EcoAcquario

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Stampa

 L’ITN Nino Bixio di Piano di Sorrento ha inserito la realizzazione di un EcoAcquario tra gli obiettivi del PON 2009-2010. Obiettivo per promuovere il successo scolastico, le pari opportunità e l’inclusione sociale e siamo stati chiamati a collaborare per permettere ai ragazzi del biennio di realizzare un EcoAcquario. 

20 le ore a disposizione suddivise i sei giornate per allestire la vasca con i 30 fantastici ragazzi e la professionale tutor Prof.a Maria Gargiulo.

Il ben attrezzato laboratorio di chimica aveva in dotazione un acquario da 200 litri con filtro biologico incorporato ma da una veloce ispezione risultava che le lastre erano scollate ed in pessimo stato. Visti i tempi stretti e per poter iniziare il lavoro con i 30 fantastici ragazzi delle prime e seconde classi ho preferito portare una vasca da 160 litri che avevo in cantina chiedendo alla segreteria della scuola di investire parte dei fondi destinati al progetto per l’acquisto di una sump corredata di Schiumatolo LG 800, pompe di risalita e sistema di rabbocco dell’acqua evaporata più le pompe di movimento per la vasca. Al refrigeratore ho provveduto con un mio vecchio ma sempre combattivo Teco RA 680

Nella prima giornata abbiamo esaminato ogni singolo aspetto ed accessorio e discusso sulle lineee guide di un EcoAcquario. Passato il primo annoiato momento dovuto alle spiegazioni teoriche essenziali i ragazzi si sono prodigati in una competizione di domande che hanno portato il gruppo a valutare i vari sistemi di filtrazione e gestione optando per un DSB ed un grosso schiumatoio.

Nella seconda giornata abbiamo quindi allestito tutta la parte tecnica della vasca creando i fori per caduta e risalita dalla vasca con l’aiuto professionale di Geppy Apuleo della LGAquari che ha anche speso qualche ora per illustrare ai ragazzi il funzionamento e la regolazione ottimale di uno schiumatoio dopo aver riempito la vasca con acqua marina naturale

Nella terza giornata abbiamo raccolto le prime alghe e le prime rocce ed abbiamo iniziato la regolazione e manutenzione dei primi accessori dopo aver rilevato e controllato tutti i parametri chimico-fisici dell’acqua e consultato diverse schede di organismi che avremmo potuto procurarci tra gli scarti della pesca professionale come dettato dalle linee guide di EcoAcquario

Nella quarta giornata dopo aver appurato che i valori fisico-chimici dell’acqua non si erano ancora stabilizzati abbiamo optato per scollare le lastre della vecchia vasca in dotazione alla scuola e dopo un’accurata pulizia i ragazzi hanno ri-assemblato con il silicone gentilmente donato da Geppy Apuleo acquisendo le basilari nozioni su come si può costruire da se un acquario. La vasca riparata e già forata per i collegamenti idrici è pronta per poter allestire una seconda vasca da mettere in serie alla prima il prossimo anno

Nella quinta giornata dopo aver constatato che i valori fisico-chimici dell’acqua si erano stabilizzati abbiamo inserito altre rocce ed i primi invertebrati che i ragazzi avevano procurato

Nella sesta giornata abbiamo fatto un escursione alla banchina dei pescatori di Piano di Sorrento per procurarci altre rocce ed organismi provenienti dallo scarto della pulizia delle reti da pesca avendo anche la fortuna di poter discutere delle regolamentazioni sulla pesca con il Capitano della Capitaneria di Porto locale. Tornati all’istituto e messo tutto a dimora nella vasca abbiamo chiuso il progetto dopo aver istruito un piano di manutenzione, per vasca ed accessori, ed alimentazione degli organismi.

Poi in occasione della VI giornata della scienza-29 maggio 2010 abbiamo spostato con non poca fatica la vasca dal laboratorio di chimica nel cortile della manifestazione dove i ragazzi del progetto hanno sapientemente ed orgogliosamente saputo illustrarne i contenuti ai numerosi visitatori.

Dopo diversi allestimenti pubblici questa per me è stata la realizzazione più emozionante e soddisfacente. Vedere questi ragazzi così interessati e protettivi nei confronti del microcosmo realizzato è stato entusiasmante. Questo è stato il primo allestimento fatto senza il supporto interessato di un associazione che godeva solo della fatica e dei frutti di chi ha dato il cuore per questo progetto e ringrazio per il disinteressato appoggio sia morale che manuale di Francesco De Rosa, Geppy Apuleo e Michele Palomba ed i soci della neonata omonima associazione che non hanno lesinato a togliere tempo al lavoro ed allo studio per aiutarmi nelle fatiche che non avremmo potuto affidare ai ragazzi.

Spero di poter avere l’opportunità il prossimo anno scolastico di allestire la seconda vasca da affiancare alla prima in modo da allargare le possibilità di osservazione di cosa contiene di bello il nostro mare grazie ad un progetto che riesce a conservare l’ambiente e recuperando gli organismi tra quanto viene inconsapevolmente strappato all’ambiente per motivi legati alla pesca professionale.

 

foto di sinistra - l'acquario in dotazione ma scollato 

 

foto di destra - La sump completa di LG800 e gruppi di caduta e risalita della LGAcquari, acquistata dalla scuola e portata a mano dal fantastico Geppy Apuleo

 

 

 

 foto di sinistra - i fantastici ragazzi del Bixio puliscono la sump e gli accessori contenuti

foto di destra - coimbentazione della sump

 

 

 

 

 foto di sinistra - i ragazzi analizzano ogni singolo accessorio, ne studiano il funzionamento e lo scopo e li smontano per studiarne il contenuto e la manutenzione che dovrà essere affettuata su questi

 foto di destra - i ragazzi puliscono la vasca sostitutiva

  

 

  a sinistra - inserimento della sabbia

 

 a destra - arrivano le taniche di acqua di mare

 

 

 

 

a sinistra - inserimento dell'acqua ed a destra i ragazzi subito capiscono che non va abene e bisogna mettere qualcosa per evitare che l'acqua cadendo dalle tanche smuova tutto il fondo - GRANDI!

 

  

 

 

 a sinistra - l'inserimento di un ciuffo di Caulerpa prolifera da l'inizio all'avvio della vasca che così si presenta nella foto di destra

 

 

 

 a sinistra - Dopo qualche ora già si vede schiumare bene. SI PARTE!!!!!!

  a destra - evidentemente soddisfatti del lavoro dei ragazzi da sn La Tutor del progetto Prof.a Maria Gargiulo, Francesco De Rosa ed Alessandro Palomba

 

 

 

  Tutti alla Marina di Cassano per raccogliere roccie ed organismi gettati dai pescatori in seguito alla pulizia delle reti da pesca 

 

 

 

 

 

 

 

 

  a sinistra - assemblamento dei ragazzi per vedere cosa hanno "retinato"

 

 a destra - dopo l'ecoraccolta tutti a festeggiare con un gelato al bar della marina

 

   

 a sinistra - si vede che la Caulerpa prolifera sta "prolificando" ed i primi organismi inseriti dopo l'ecoraccolta la fanno da padrone

 

 

 

  

a sinistra - come si presenta la vasca dopo aver inserito i primi organismi

 

 

 

 

 

 

Di seguito alcune foto della presentazione finale del progetto dove abbiamo dovuto spostare di sanapianta tutta la vasca dall'aula di chimica nel cortile (ovviamente svuotata e riempita ....!!!!)

    

     

 

 

 

  

 

 

 {jcomments on}

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.