Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

Speciale di San Valentino: "Il Nudibranco innamorato"

Postato in Alloctoni, strani e poco conosciuti

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Stampa

In un mondo che va sempre più di fretta alcuni animali marini si prendono il giusto tempo per l'amore, si tratta dei nudibranchi.

Particolare della Branchia “nuda” di un Doride dipinto (Hypselodoris picta)

I nudibranchi sono Molluschi, Gasteropodi, Opistobranchi, in altre parole lumache che nel corso dell'evoluzione hanno perso la caratteristica conchiglia. Nudibranchi significa letteralmente dalle branchie nude, queste sono ben visibili in alcuni ordini come quello dei Doridi mentre in altri sono sparite e la respirazione avviene tramite la pelle. 

 Fra i vari adattamenti eccezionali di queste sgargianti lumachine, che spesso non superano i 2 cm di lunghezza, troviamo il comportamento riproduttivo. I nudibranchi sono tutti ermafroditi sincroni incompleti, questo significa che possiedono sia gonadi maschili sia femminili e che queste sono mature allo stesso tempo ma che un individuo non può auto fecondarsi; questo tipo di adattamento riproduttivo ha ovviamente i suoi vantaggi, se un esemplare decide di accoppiarsi con il primo della propria specie che passa ha il 100% di possibilità di incontrare un partner, l'impossibilità di autofecondazione aiuta la prole ad avere l'opportuna varietà genetica, poiché ogni piccolo avrà metà del patrimonio genetico di ognuno dei genitori. 

  Accoppiamento fra Trapanie maculate (Trapania maculosa), specie con lunghi organi copulatoriNei mari temperati i nudibranchi si accoppiano soprattutto in primavera, mentre le specie più comuni si accoppiano tutto l'anno, cosa che avviene anche ai tropici dove non è presente una marcata stagionalità. Non è presente un vero e proprio rituale di accoppiamento ma spesso è facile osservare un atteggiamento comune in varie specie, un individuo si accoda ad un altro e ne segue la scia di muco, i nudibranchi non hanno occhi ma hanno una spiccata sensibilità alle sostante chimiche, all'improvviso il capofila gira verso sinistra e inverte la marcia, lasciando così scorrere l'amante inseguitore sulla destra. Al momento dell'accoppiamento sul lato destro nella parte anteriore di entrambi gli esemplari fuoriesce un'appendice, si tratta dell'organo copulatore che prima di allora era ben nascosto all'interno del corpo.

Rara immagine dell’accoppiamento di Flabellline lilla (Flabellina affinis), visibili anche molti nostri di uova.Quest'organo ha la duplice valenza di organo maschile e organo femminile, e al momento della copula l'organo maschile del primo viene a contatto con il femminile del secondo e viceversa. Vi è quindi uno scambio di spermatozoi alla pari ed entrambi gli individui sono fecondati e fecondano allo stesso tempo, alcuni nudibranchi hanno organi copulatori molto lunghi, mentre altri sono corti e spesso coperti dal bordo del corpo (notum) e quindi poco visibili. Non è così difficile trovare nudibranchi in accoppiamento poiché la copula può in alcuni casi durare diversi giorni, tuttavia, in alcune specie la copula è molto veloce e quindi difficile da osservare come ad esempio nelle Falbelline; sono molto comuni le foto delle uova ma rare quelle dell'accoppiamento di questo Genere. Dopo l'accoppiamento i due molluschi si separano, e sono pronti a depositare le uova, queste di solito sono poste nella prossimità dell'alimento preferito dal gasteropode, in nastri a volte molto appariscenti, colorati o simili a merletti, la colorazione delle uova è aposematica, in altre parole avvisa i predatori della tossicità di quest'ultime, infatti, molto spesso le ovature contengono gli stessi veleni presenti nei nudibranchi e acquisiti tramite l'alimentazione.

Ovatura di Doride argo (Platydoris argo)Una singola ovatura può contenere anche 25 milioni di embrioni, alla loro schiusa le uova danno alla luce, in genere, ad una larva con conchiglia detta veliger che conduce una vita planctonica più o meno lunga, lamutazione in adulto è spesso attivata dalla presenza del cibo preferito o esclusivo della specie, così i piccoli con ormai l'aspetto esterno degli adulti possono alimentarsi e accumulare energie importanti per l'accoppiamento e chiudere in questo modo il cerchio della vita.

 

 

 

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.