Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

Il mistero della Piovra gigante di Plinio

Postato in Alloctoni, strani e poco conosciuti

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Stampa

Testata_Piovra

Plinio il Vecchio (23-79 D.C.) nel suo Natiralis historiae (Storia Naturale) scrive che sulle coste Spagnole nei pressi di Gibilterra un polpo aveva l'abitudine di devastare i vivai di ostriche ed aragoste dei raffinati patrizi romani del luogo. I guardiani tentarono invano di sorprenderlo con appostamenti e barricate; il polpo le superava facilmente arrampicandosi sugli alberi. Una notte i cani da guardia lo sorpresero mentre era a terra e lo accerchiarono abbaiando furiosamente:

Plino il Vecchio"...Si arrampicò su un albero e scavalcò alte siepi. Abbaiando, i cani fecero accorrere i guardiani. Costoro rimasero terrorizzati, poichè l'animale era di starordinaria grossezza, sembrava coperto di salsedine ed emanava uno spaventoso fetore. Il mostro mise in fuga i cani con tremendi sbuffi, li frustò con la punta dei tentacoli e li battè con le braccia più grosse come una mazza. Molti tridenti si conficcarono nel suo corpo, e la bestia venne infine uccisa. I pescatori mostrarono la testa del polipo a Lucullo, allora proconsole in Betica: era grossa come una botte. Le sue braccia più grandi non potevano quasi essere abbracciate da un uomo: erano lunghe 10 metri e le loro ventose grosse come urne. La bestia aveva enormi denti, e ciò che di essa rimase e venne conservato pesava 320 kg."

Non potevo sicuramente trascurarla e analizzare lo scritto di Plinio da un punto di vista scientifico moderno.

A mio avviso il passaparola dell'epoca esagerò sicuramente la Grandezza del polpo(?), ma che dimensioni può raggiungere il mediterraneo Octopus vulgaris? La lunghezza massima raggiunta dal polpo Mediterraneo è di circa 1 m o poco più e il peso raramente supera i 10-12 kg. Allora cosa videro gli spagnoli dell'epoca? L'Octopode più grande è Il polpo gigante del Nord Pacifico (Enteroctopus dofleini) ne è stato, infatti, rinvenuto un esemplare vivo del peso di 71 kg. Un altro contendente per questo titolo è il polpo a sette tentacoli (Haliphron atlanticus), che può raggiungere i 4 metri di lunghezza, del quale è stata ritrovata una carcassa del peso di 61 kg, ma che da vivo è stato stimato pesasse 75 kg. Anche se uno di questi due polpi fosse inspiegabilmente arrivato sulle coste spagnole di Gibilterra siamo comunque molto lontani dalle dimensioni descritte a Plinio il vecchio, cosa videro allora? I Plinio (vecchio e giovane) erano ottimi naturalisti,  è mai possibile che il più anziano si sia fatto ingannare così? Ci viene in aiuto la testimonianza delle guardie che uccisero il mostro, i quali parlano di uno spaventoso fetore che la bestia emanava e di denti, un polpo puzzolente e pieno di denti quindi?

Grosso Polpo, Octopus vulgaris, 3-4 kgGli unici cefalopodi che emanano uno spaventoso fetore sono i calamari giganti della famiglia Architeuthidae, che mantengono un galleggiamento neutrale nell'acqua grazie ad una soluzione di cloruro d'ammonio (più leggero dell'acqua di mare) che scorre in tutto il corpo, questa soluzione non fa solo assumere al calamaro l'assetto neutro ma lo fa puzzare anche incredibilmente di urina. Poi si parla di DENTI, e bene sapere che i calamari giganti possiedono lungo la circonferenza delle ventose anelli di chitina taglienti e finemente dentellati molto simili a denti. Inoltre le dimensioni massime dei calamari giganti  è stimata a 10 m per le femmine ed a 13 m per i maschi, dalla pinna caudale fino all'estremità dei due lunghi tentacoli. Il peso massimo viene stimato a 150 kg per le femmine ed a 275 kg per i maschi, in linea con le descrizioni di Plinio. Inoltre in un'altra descrizione Plinio parla si di un Polpo, ma descrivendolo con dieci tentacoli, due dei quali più lunghi, un calamaro appunto.

La soluzione secondo me a questo punto è chiara, gli interlocutori di Plinio, esagerarono sicuramente per quanto riguarda combattimento e dimensioni, molto probabilmente trovarono un calamaro spiaggiato morto o morente presso le coste oceaniche spagnole e per farsi belli con Lucullo s' inventarono la storia del combattimento epico, ma scambiarono sicuramente un Architeuthis, o addirittura un Calamaro colossale (Mesonychoteuthis hamiltoniper), per un  polpo!

calamaro_giga

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.