Stampa

Un patella che sa di storia: La Patella ferruginea

Scritto da Paolo Balistreri. Postato in Bio&Eco Marina di Paolo Balistreri

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
 
Un mollusco che sa di storia dell’uomo che vive ad oggi soltanto in poche zone del bacino occidentale del Mar Mediterraneo è una specie endemica inserita nell’allegato II del Protocollo SPA/BIO della Convenzione di Barcellona (Protezione del Mar Mediterraneo dall'inquinamento), nell’Allegato II della Convenzione di Berna (Conservazione della flora e della fauna selvatiche e dei loro habitat naturali e la promozione della cooperazione europea) in tale settore e nell’allegato IV della Direttiva Habitat (Conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche).
 
 
Esemplare fossile di Patella ferruginea (Arianna Bevilacqua)
 
 Patella fossile di Grotta del Cappero (Isola di Levanzo - Egadi) - Foto di Arianna Bevilacqua
 
Misurazione di un esemplare di Patella ferruginea. Foto di Eleonora De Sabata
 
 
La sua minaccia principale proviene dagli scopi alimentari e collezionistici. Questa patella dalla conchiglia molto spessa e dalla forma con la base ovoidale è considerata la Patella più grande che si possa incontrare lungo le coste del Mar Mediterraneo. Si rinviene nelle zone soggette ad alto idrodinamismo, quindi moto ondoso intenso. Questo mollusco è stato anche il pasto dei primi uomini, grazie al ritrovando di cumuli delle sue conchiglie  all’interno di alcune grotte considerate le “case” dei primi uomini. Una di queste è la Grotta di Punta Capperi presente nell’Isola di Levanzo (Arcipelago delle Isole Egadi) che contiene depositi risalenti alla fine del Paleolitico superiore ed al Mesolitico, in cui i resti faunistici più numerosi sono quelli di molluschi continentali e marini, raccolti a scopo alimentare.
 
Vista dell'Isola di Marettimo al tramonto  (Paolo Balistreri)
 
Alle Egadi si rinvengono inoltre esemplari subfossili nell’Isola di Favignana (l’Isola più grande dell’arcipelago) ed una popolazione vivente nella più lontana delle Isole Egadi, l’Isola di Marettimo.
 
Levanzo vista da San Nicola - Favignana (Paolo Balistreri)
 
In Sicilia il mollusco è presente inoltre a  Pantelleria. In Italia si segnala inoltre la sua presenza nel Mar Ligure (Portofino) e Tirreno (Piombino), fino alle coste Settentrionali della Sardegna. Tuttavia la sua distribuzione è da considerarsi puntiforme e circoscritta. Attualmente questo animale è interessato dal Progetto Life “Re-Life” che ha lo scopo di  reintrodurre Patella ferruginea in tre Aree Marine Protette liguri (Portofino, Bergeggi e Cinque Terre).

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.