Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

La pagina di Mario Anderson

Postato in Le vostre vasche

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Stampa

Ciao a tutti. Sono Mario, ho 36 anni e abito a Roma.

La mia avventura con gli acquari mediterranei e' iniziata una decina di anni fa, quando, causa lavoro e matrimonio, ho dovuto interrompere la mia assidua attivita' di  pesca subacquea in apnea. E dato che il mare mi mancava, e mi mancavano le sue rilassanti panoramiche sommerse, ho pensato  che un acquario avrebbe potuto funzionare, come il metadone e' il palliativo dei tossici...

 

 

 

Cosi' dopo un paio di anni, ho acquistato una vasca usata di circa 300 litri e l'ho allestita ad acquario mediterraneo: il sistema di  filtraggio era costituito da un filtro sottosabbia e da uno esterno. Non ho mai atteso la completa maturazione del filtro, e dopo una settimana dall'avvio, ho messo gamberi, anemoni, saraghi, spirografi, una cicala, vari cefali, uno scorfano, un'orata piccolina, ghiozzi,  donzelle, varie conchiglie e lumache. Alghe poche e sbagliate. Dopo un mese tutti defunti! 
Nonostante sia un po' lento, intuisco che devo aver sbagliato qualche cosa... Cosi' mi sono comprato un manuale del guru Zupo, dal quale ho preso atto di tutte le cose sbagliate che avevo fatto, e sono ripartito da zero. 
Acqua nuova e via!
Il mio vecchio acquario e' andato avanti per anni, tra alti e bassi, e da pochi mesi e' stato sostituito da un nuovo bellissimo "sistema" di 480 litri dotato di filtro percolatore, un efficientissimo schiumatoio artigianale, 2 pompe interne per il movimento (3500 litri/ora), neon varie tonalita' (160W),  e vari timers per la regolazione di tutto, dalle luci, alle pompe, all'aereatore.
In pratica la temporizzazione del tutto e' cosi' impostata:
         ore 5,00 accensione pompe di movimento e accensione neon blu da 10W (alba)
                6,00 accensione aereatore e 2 neon blu. Stop luce alba
                7,30 accensione 2 neon luce solare 
                          

     7,30 - 9,30 cibo (cozze, calamaro, sarde, tonno)
              11,00 stop aereatore
              15,00 accensione aereatore
              17,30 stop luci solari
              18,30 stop luci blu. Accensione neon blu 10W (tramonto)
              19,30 stop neon tramonto. A volte cibo
              22,00 stop aereatore
              24,00 stop pompe di movimento.

Ovviamente il filtro e lo schiumatoio funzionano sempre.
A proposito dello schiumatoio, devo fare appello a chi non ce l'ha: e' un accessorio INDISPENSABILE, e ancora non mi capacito di come si possa farne a meno, vista la quantita' di nitrati che eliminara a monte: io giornalmente butto via un buon bicchiere di melma densa, nera e puzzolente, che altrimenti si sarebbe accumulata nell'acqua. Credo che non si possa farne a meno davvero, anche se il suo funzionamento puo' essere temporizzato e non continuo come il filtro.
La vasca e' di cristalli float da 10mm e misura 130x60x60. La sump contiene
70 litri.
Brilla per la sua assenza il REFRIGERATORE (!!!), ma prima o poi mi
sbilancero' nel suo acquisto, aumentando in modo  esponenziale il
numero delle specie allevabili. Per il momento mi limito ad invidiare chi lo
possiede!
Attualmente il mio acquario contiene rocce vive (ovviamente mediterranee), anemoni e pomodori di mare, una bella colonia di gamberetti di tutte le taglie che fungono anche da spazzini assieme ai paguri, uno scorfano, piccoli cefali, saraghi di varie specie, donzelle, ghiozzi e moltissimi molluschi autointrodottisi con le rocce vive: in particolare ho assistito
alla schiusa di un migliaio di lumache tipo "turritella", che tentano di tenermi puliti i vetri della vasca divorando in continuazione le alghe che si formano.
La manutenzione avviene ogni 2 settimane circa con pulizia dei vetri, cambio parziale di acqua (60 litri), sifonamento del fondo (1 volta al mese), sostituzione o riposizionamento di rocce vive, introduzione di pescetti e gamberetti per l'alimentazione dello scorfano, che pretende cibo vivo e snobba un po' tutto il resto, e risciacquo delle spugne del prefiltro nel
troppo pieno.

 

   Mario Anderson  ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. )

 

 

Le foto di Settembre 2003

9.JPG (19219 byte) 2.JPG (47882 byte) 3.JPG (29018 byte) 4.JPG (49986 byte) 5.JPG (28425 byte) 6.JPG (43300 byte) 7.JPG (24834 byte) 8.JPG (30514 byte) 1.JPG (43023 byte)

Le foto di Maggio 2002

aiptasia.JPG (28723 byte)

sarago.JPG (33802 byte)

spigola.JPG (27662 byte)

Le foto di Gennaio 2002

3.jpg (29143 byte)

b1.jpg (57590 byte)

b2.jpg (57021 byte)

b4.jpg (58627 byte)

b5.jpg (58630 byte)

 

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.