Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

La pagina di Carlo Andrea Municchi

Postato in Le vostre vasche

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Stampa

Mi chiamo Carlo Andrea Municchi ed ho appena varcato la fatidica soglia dei 40 J , sposato con due figli ,  sono nato e risiedo ad Ostia Lido , il “ mare di Roma”, e , grazie alla vicinanza col nostro amico blu e alla passione per la pesca di mio padre , mi sono innamorato del mare fin da bambino.

Ho sempre praticato la pesca sportiva sia subacquea che ‘’ supracquea’’, da circa 10 anni pratico quest’ultima a livello agonistico nella disciplina del Surf Casting, devo dire con buoni risultati J

 

Le mie immersioni, pur rivolte alla cattura di qualche bella preda, sono sempre state anche un mezzo per godere del meraviglioso mondo marino che non smette mai di stupirmi, è comunque impressionante il cambiamento che ho avuto nella visione dell’ambiente subacqueo da quando mi sono avvicinato all’acquariofilia: una volta mi emozionavo al passaggio di una bella spigola, oggi mi ritrovo a scendere 3-4 volte nello stesso punto per ammirare un qualche invertebrato sconosciuto !!

Uno dei miei desideri nascosti è sempre stato quello di avere un acquario, ovviamente del “ mio mare “ , desiderio rimasto inevaso fino a quando comprai , un paio di anni fa, in offerta in un supermercato , un acquario da circa 80 lt .

Solo all’inizio di quest’anno mi sono deciso ad allestire l’acquario e dopo qualche mese con il “piccolo”, entusiasmato da quest’esperienza nonostante i mille errori del più completo neofita ( a questo proposito consiglio vivamente a chi si vuole avvicinare a questo stupendo hobby di leggere la “ Guida al principiante “ di Stefano C.A. Rossi, una vera “manna” per i neofiti, vi eviterà sicuramente buona parte degli errori che ho fatto io ! ) ho avuto l’occasione di acquistare usato, proprio qui ad Ostia, quello che ora è il mio acquario: vasca 130*55*55 con vetri da 10 mm e tiranti longitudinali superiori, schiumatolo HS 150 F-2001, sump ( da me modificata ) da circa 45 lt , mobile ( anch’esso modificato e rinforzato ) ed una centralina elettronica di controllo artigianale su progetto ‘’ light and wawe’’ di Antonio Lettieri al momento purtroppo in riparazione L.

A questo ho aggiunto: lampada sterilizzatrice Tetra 400,  due pompe Elan basculanti da 1000l/h ed altre due pompe fisse da 750 l/h formando due coppie che  si alternano ogni 6 ore , plafo arcadia con 3 tubi T8 da 38 w : una attinica , una 12000k ed una 6500 k , con inserita luce lunare a due led superluminosi autocostruita , refri Resun 650 , osmoregolatore autocostruito e rilevatore di livello ( troppo basso / troppo alto ) con allarme autocostruito.

A tutt’oggi, 17/10/2006, la vasca è nelle primissime fasi, è in funzione da circa 1 settimana ed è così strutturata: sottile fondo di aragonite, 3-4 cm di sabbia viva con l’ultimo cm mischiato a sabbia quarzifera bianca per schiarire il grigio della sabbia viva dei lidi romani, rocce vive con caulerpa racemosa e caulerpa prolifera, filtraggio con schiumatoio e filtro biologico ( un giorno vorrei sostituirlo con un filtro ad alghe ) , fotoperiodo di 8 hr per le luci bianche e 10 hr per la attinica e temperatura a 20° che diminuirà a 18° in pieno inverno.

 

Data l’esigua vita della vasca gli unici ospiti sono due stelle: Ophioderma longicudum e Coscinasterias tenuispina, due anemoni Anemonia viridis e quattro piccole Aiptasie che erano attaccate alle rocce, sempre per lo stesso motivo i valori dell’acqua non sono indicativi, sarà mia cura riferirli fra qualche mese.

 

In chiusura voglio ringraziare di cuore tutto lo staff A.I.A.M. ed i partecipanti al suo forum per tutto l’aiuto, anche involontario, che mi hanno dato per la realizzazione di questo mio piccolo sogno.

 

Carlo Andrea Municchi

 

 

 

 

AGGIORNAMENTO AL 31/10/2005

 

Qualche giorno fa sono andato a fare l’ultimo carico di rocce vive per completare l’aerredamento della vasca , con l’occasione sono arrivati diversi nuovi ospiti :

1)      due colonie di Cladocora Caespitosa

2)      Due esemplari di Aiptasia Mutabilis

3)      Un Cearianhtus Membranaceus di colore viola scuro

4)      Due Halocybtia Papillosa ( patata di mare )

5)      Una stella rossa Echinaster sepositus

6)      Un Diplodus Sargus di 4/5 cm

7)      Un Serranus Scriba di 5/6 cm

8)      Due piccole bavose

9)      Due Palaemon elegans

10)  Alcune spugne  e vari altri abitanti delle rocce….

 

 

VALORI DELL’ACQUA :

 

NO2 : 0 ( test SERA )

NO3:  5 ( Test ASKOL  ,e’ comunque lo stesso valore che rilevo nell’acqua appena presa dal mare )

 

Ph: 7.9 ( Test Tetra )  8.0 ( Test Salifert )

KH : 7 ( Test SERA )

PO4 :  tra 0.03 e 0.1 ( Test Salifert ) ( stesso discorso dei NO3 )

 

 

COSA VORREI METERE IN VASCA

 

Tutti noi abbiamo un sogno ‘’ acquariofilo’’ proibito ( o più di uno , perché no ? J ) , due dei miei sono stati esauditi , la Cladocora e soprattutto il cerianto J , questi sono quelli ancora ‘’ inevasi ‘’ :

 

CNIDARI

Paramuricea Clavata

Parazoanthus axinellae

Astroides calycularis

 

ANELLIDI

Sabella spallanzani

 

CROSTACEI

Stenopus spinotus

Gnatophyllium elegans

 

PESCI

Sciaena Umbra

Anthias Anthias

Ephineu Guaza

 

Si lo so che alcuni di questi sono davvero sogni “ proibiti “ , ma chissà , magari riuscire a salvarli dalle reti di qualche peschereccio…J

 

 

 

 

 

 
Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.