Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

La pagina di Alessandro Serafini

Postato in Le vostre vasche

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Stampa

 

Ciao o tutti. Mi chiamo Alessandro Serafini, ho 40 anni e vivo a Ladispoli, una località sul mar Tirreno a 30 km. a nord di Roma. Amo il mare e tutto quello che vi è collegato : nuotare, pescare, immergermi, …mangiare una bella grigliata di pesce! Amo fotografare e dilettarmi con l'elettronica e con il fai da te.

 

 

 

 

Era il mese di luglio del 2003, c'erano le ferie ed il mio non saper stare senza far niente mi fece scattare nella mente una molla che ero riuscito a tenere bloccata per lungo tempo : allestire un secondo acquario, ma stavolta mediterraneo. Come molti di voi che condividono con me la passione del mare vissuto in ogni stagione e, possibilmente, sott'acqua, desideravo da sempre  avere accanto un pezzo di fondale che mi desse quelle sensazioni particolari che chi si immerge conosce bene : riuscire finalmente a "staccare" la mente dal quotidiano e lasciarsi assorbire dall'acqua annullando il tempo.

Le immersioni di quella estate non fecero altro che accelerare in me la voglia di realizzare quanto avevo in mente.

Presa l'idea su internet costruii un filtro esterno utilizzando tubi in pvc da 14mm. Lo lasciai girare  con un secchio d'acqua per circa 20 giorni provvedendo a cambiare l'acqua ogni 2-3 giorni finchè non mi convinsi che ogni traccia di collante era sparita. Allora rispolverai una vasca Cristall 55 della Askoll che fu prontamente sistemata sul top della mia cucina. Costruii con l'alluminio un supporto per tre neon e predisposi una centralina di controllo utilizzando 3 ballast elettronici recuperati da 3 lampade a basso consumo.

Presa della sabbia viva composta da sassolini e gusci triturati dalla spiaggia di San Nicola preparai il fondo : alcune rocce vive prese a Santa Marinella insieme ad acqua "sicura".

E via!!!

Era il 30 luglio.

Anche se sono circa 6 anni che mi occupo di acquari seguendo il mio primo tropicale dolce (oggi splendido olandese) in un attimo ho dimenticato tutto quanto avevo imparato sbagliando, leggendo, studiando e sperimentando! Tant'è che dopo pochissimi giorni ebbi l'illuminazione di inserire 2 paguri, 14 gamberi, alcune alghe, 1 scorfanetto, 5 tra ghiozzi e bavose, i anemonia solcata ed una stella Marthasterias Glacialis.

Stavo preparando una splendida zuppa di pesce!

Infatti a causa di un gamberetto e di una bavosa finiti nella pompa del filtro questo si bloccò causando la morte di tutto.

Ricominciamo! Acqua nuova, pulizia generale, risistemazione delle rocce "mezze vive" e si riparte.

Feci alcune modifiche all'uscita dell'acqua aggiungendo una piccola pompa che in caso di black-out mi aiutasse con l'innesco del filtro (posto a terra a circa 60 cm. dal piano dell'acquario). Sembrava quasi che mi sentissi quello che pochi mesi più tardi sarebbe accaduto!

Aggiunsi anche 2 pompe per il movimento dell'acqua e da allora tutto procede a meraviglia. Devo ringraziare specialmente voi tutti che direttamente o indirettamente con le vostre dritte mi avete permesso di realizzare il mio sogno.

Oggi l'impianto è così composto:

·        Vasca Askoll Cristall 55

·        Supporto luci autocostruito in alluminio con riflettori Jewell

·        3 neon alimentati da ballast elettronici : 1 Blu Moon, 1 Askoll Power Glo, 1 Silvania Aquastar da 10000 K

·        1 aeratore

·        2 pompe di movimento di circa 350 lt/h

·        1 filtro esterno autocostruito caricato a cannolicchi, spugna e lana di perlon

·        timer luci

·        schiumatoio : sto recuperando materiale per la realizzazione.

·        Refrigeratore  assente

 

Per quanto riguarda i cambi dell'acqua fino alla fine dell'estate (settembre) ho provveduto con acqua di mare. Ora rabbocco ogni 2 giorni circa con acqua di osmosi che produco con l'impianto installato 2 anni fa nella mia cucina.

I valori che risultano dalle analisi dell'acqua sono :

·          21°-23°

·        PH= 8,5

·        KH= 12°

·        No3<50mg/l

·        NH3= 0mg/l

 

Attualmente la vasca ospita i seguenti organismi:

  • 2 Anemonia Sulcata
  • vari paguri e lumache
  • 3 Actinia Cari
  • 2 Gambero Pistola
  • 2 Gamberetti Leptomysis Mediterranea (?)
  • alcune Anemoni Phimantus (?)
  • 1 stella Marthasterias Glacialis che ho raccolto con soli 3 raggi ed alla quale ora stanno ricrescendo gli altri due.
  • Alcuni organismi (anemoni?) non ancora identificati
  • 1 Halimeda Tuna dalla quale sono nate poco distanti altre 2 piantine
  • 1 Codium Vermilara
  • Caulerpa Prolifera
  • 1 Orecchia d'Elefante
  • varie alghe marroni che ultimamente stanno caricandosi di "gemme" (spore?)
  • 3 anemoni di pochi millimetri scoperti ultimamente e nati da poco
  • 1 pesce con ventosa ventrale che troverete nelle foto
  • ………ehem….1 cernia bruna di 6 cm. (lo so, lo so quante me ne state mandando. Lo so che non si può pescare!) che ho prelevato con visibilità quasi nulla in 50 cm. d'acqua scambiandola per un tordo, ma che una volta a riva ho riconosciuto.

 

Tra l'altro, da quando l'ho inserita in vasca, ho potuto apprezzarne le doti di predatore: infatti si è "pappata" un tordo di poco più piccolo di lei  - tenendolo intero nello stomaco per alcune ore e presentandosi con 2 evidenti rigonfiamenti ai lati del ventre - , una decina di Palaemon e qualche paguro in soli 2 giorni. Ma l'ho lasciata fare per non farle perdere l'istinto predatorio che le sarà utile quando a breve la rimetterò in mare (o qualcuno è interessato?).

 

Esperienze di osservazione interessanti:

  • Lotta per il cibo tra i due gamberi pistola.
  • Difesa del territorio da parte del gambero pistola con allestimento della tana.
  • Nascita di innumerevoli lumachine con il guscio conico (impossibile che le abbia inserite io, possono essere nate dalle lumache che ho in vasca? E i gusci come si sono formati?).
  • Predazione, da parte della cernia, del tordo e dei gamberi che saltavano disperati fuori dalla vasca.
  • Nascita di due Anemonia Sulcata.
  • Ricrescita dei raggi della stella.

 

 

 

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.