Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

La pagina di Alberto Tulumello

Postato in Le vostre vasche

Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 
Stampa

Mi chiamo Alberto Tulumello, vivo a Messina, ho 43 anni e svolgo la professione di odontoiatra.

Da circa 16 anni tra i miei hobbies, c’è l’acquario marino, con il quale ho iniziato, senza transitare prima dall’acqua dolce.

 

Ho cominciato con una vasca da 100 litri, nella quale “buttavo” qualunque cosa pescassi con la lenza o con i soldi presso i rivenditori di marino tropicale.

 

Con il trascorrere degli anni, con qualche insuccesso, e vasca dopo vasca, ho affinato le tecniche di cattura di alcune varietà mediterranee dedicandomi soprattutto a tutti i labridi  e blennidi possibili.

 

 La mia vasca attuale, misura 240x60x70. L’ho allestita circa dieci anni fa senza nessun sistema “sofisticato”. Va avanti grazie a due semplici filtri biologici da circa 40 litri ciascuno (posizionati alle due estremità della vasca), costituiti per una metà da Bio-balls e per l’altra da banalissime spugne. Il movimento in vasca è assicurato da due pompe da 2000 litri e due da1000 litri; una di queste ultime fa transitare l’acqua da un refrigeratore (Teco da 250W). Nei 4-5 mesi più caldi, regolo il termostato a circa 20°, durante il resto dell’anno tra i 15° e i 17°. La vasca è illuminata da due Blue Moon e da due Aquastar da 30W ognuno. I cicli di luce (a seconda della stagione) oscillano tra le 9 e le 12 ore al giorno. Lo strato di sabbia è di pochi centimetri, ho disposto lungo la parte posteriore e bassa della vasca circa 150 kg. di rocce “morte” che giovano da supporto per le “vive” e gli invertebrati. Riesco a mantenere in discreta salute rocce vive, invertebrati e pesci per periodi che vanno mediamente dai 2 agli 8 anni e faccio rarissime misurazioni, soltanto dei nitrati; devo dire, però, che riservo particolare attenzione ad i cambi d’acqua (mai sintetica) di circa 120 litri settimanali. In tutti questi anni ho imparato che accessori e sistemi filtranti possono essere minimi, a patto che si riesca a “creare” un piccolo ecosistema, lasciando per dimensioni, numero ed etologia i giusti spazi a tutti gli occupanti della vasca. Sarò lieto di scambiare impressioni ed esperienze con chiunque voglia.     Alberto Tulumello  ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ) 

A tutt’oggi, mi mancano “all’appello” solamente il blennius nigriceps e tra i tordi, i famosi labrus Bergylta e labrus Bimaculatus.

Non per vantarmi ma dopo migliaia di ore trascorse per la cattura tra: lenze, freddo, nasse e reti, posso dire di aver allevato con discreto successo (anche se in momenti diversi) le circa due dozzine di varietà di queste due famiglie esistenti nel nostro mare.

Rocce vive ed invertebrati, che rendono possibile il poter riprodurre un piccolo angolo di mare, sono da anni presenti in vasca (vista la mia incapacità di andare sott’acqua) grazie alle pazzie subacquee di un grande amico: Willy, che con qualunque tempo si butta a mare per il mio ed il suo acquario.

 

Acquario1.jpg (78445 byte)

Acquario2.jpg (63771 byte)

Acquario3.jpg (87693 byte)

Acquario4.jpg (78024 byte)

Acquario5.jpg (55601 byte)

 

 

 

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.