Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

La pagina di Giovanni Camera Roda

Scritto da Giovanni Camera Roda. Postato in Le vostre vasche

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Stampa

Cernia_e_cefali.jpg (50746 byte)

La mia vasca non e' una vasca da purista, nel senso che alcune soluzioni potrebbero fare storcere il naso a chi vorrebbe vedere ricreato con rigore un ben preciso ambiente del nostro mare, ma le soluzioni adottate sono piu' che altro dettate da motivi di praticita' e di scarsita' di tempo da
dedicare alla manutenzione, nonche' di economia.

Si tratta di una vasca coperta autocostruita nel 1981 che e' stata successivamente leggermente modificata in alcuni componenti nel 1994. Le dimensioni della vasca sono: 177x68x45(altezza) in cm per un volume di circa 540 L per la sola vasca senza i filtri esterni. Spessore 12 mm con 3 tiranti e lastre di rinforzo in vetro incollate a T lungo le pareti laterali e frontale in alto, poco sotto al coperchio.

La vasca e' equipaggiata di:
Due filtri interni biologici in parallelo.
Un filtro denitrificatore costituito da due sezioni in serie.
Una vaschetta stretta e lunga al di sopra della superficie della vasca, da cui l'acqua in uscita da un filtro cade in vasca dopo averla percorsa completamente.
Uno schiumatoio Aquamedic Turboflotor, posto all'interno del primo vano di uno dei due filtri biologici.
Illuminazione con lampade fluorescenti.
Un areatore all'interno di un filtro biologico ed un diffusore
autocostruito sulla mandata di una pompa di un filtro.


I filtri biologici interni ai due lati sono relativamente piccoli e contengono bioballs della ditta Ottavi e Biomax della Askoll. Sono due in parallelo per alcuni motivi:
-Nel caso di malfunzionamento di uno, l'altro continua ad andare.
-Poiche' non ci sono pompe per movimentare l'acqua, le pompe dei filtri servono, dai lati opposti dell'acquario a movimentare l'acqua e creare una buona turbolenza da entrambi i lati della vasca, senza zone eccessivamente stagnanti.
-La struttura scatolare dei filtri (in vetro nero opaco) contribuisce a rinforzare la struttura della vasca nei due angoli posteriori opposti.
-Due filtri in parallelo possono funzionare meglio di uno solo di uguale volume totale.

Nel primo scomparto del primo e' installato, come detto, lo schiumatoio (un Aquamedic Turboflotor funzionante sommerso, privato della spugna all'uscita) e l'acqua della vasca entra in questo vano attraverso due fori, uno all'altezza della superficie dell'acqua ed uno sul fondo (l'ingresso di
acqua dalla superficie, dove tendono a concentrarsi diversi composti organici come proteine, albumine, ecc., e' importante per fare funzionare efficientemente lo schiumatoio). In questo stesso scomparto rientra l'acqua dal filtro denitrificatore, che percio', prima di tornare in vasca, viene ossigenata dallo schiumatoio e passa nel filtro biologico, facendo in modo cosi' che eventuali composti pericolosi generatisi nel filtro denitrificatore (H2S e nitriti in primo luogo) possano essere rimossi o trasformati prima che vadano in vasca.
Nel primo scomparto del secondo filtro e' installata la pietra porosa dell'areatore, che posta sul fondo genera una colonna di bollicine che contribuisce ad ossigenare bene le Bio-balls nel primo scomparto e facilita l'ascensione dell'acqua in questo scomparto.
Nel secondo filtro l'acqua e' rimandata in vasca attraverso due pompe Aqua-jet da 1000 e 750 L/h (nominali). In realta' funzionano a portata piu' bassa, anche perche' nella mandata di una e' ricavato un insufflatore di aria, mentre nella mandata della seconda e' inserito anche il tubicino che alimenta i filtri denitrificatori.
Nell'ultimo vano del primo filtro sono poste una pompa Aqua-jet da 1000 L/h che rimanda l'acqua in vasca ed una pompa Sicce da 600 L/h che passa l'acqua alla vaschetta qui di sotto descritta.

La vaschetta (in vetro, lungo tutta la parte posteriore, di dimensioni 120x12 cm con acqua profonda 4 cm), sospesa al di sopra della superficie dell'acqua, ma comunque al di sotto del coperchio dell'acquario, contribuisce a rinforzare la vasca che e' costruita con vetri abbastanza sottili (12 mm).
Lo scopo principale della vaschetta e' quello di fare depositare parte dei sedimenti, ossigenare un poco l'acqua prima del rientro in vasca (anche attraverso il piccolo stramazzo dato dal dislivello tra la vaschetta e la superficie della vasca) e fornire un certo spazio (seppure ridotto) con una profondita' molto bassa dove alcuni piccoli organismi possono vivere protetti dai pesci e contribuire alla pulizia dell'acqua. Inoltre attua una certa filtrazione meccanica su di una spugna sintetica posta sull'uscita ed anche probabilmente una certa filtrazione biologica.

Il volume occupato dai materiali che supportano le colonie batteriche nei due filtri biologici e' piuttosto ridotto, ma la portata attraverso di essi e' abbastanza elevata. Personalmente infatti preferisco, almeno per l'acqua marina, operare con filtri biologici di piccolo volume, ma alta portata,
perche' sono del parere che funzionino meglio come d'altra parte anche la teoria potrebbe confermare (questo almeno e' il mio parere supportato anche dall'esperienza).

Il filtro denitrificatore e' costituito da due recipienti cilindrici di volume diverso posti in serie, all'interno dei quali sono stati introdotti materiali di supporto per i batteri. Sono forniti ciascuno di una pompa per ottenere un riciclo (una pompa da 250 L/h nominali il primo recipiente, che e' piu' piccolo, ed una pompa da 600 L/h nominali il secondo) e quindi un buon mescolamento dell'acqua al loro interno. Il carbonio organico necessario alla denitrificazione e' dosato da una pompa peristaltica che alimenta 10 ml/d di una soluzione diluita di alcool etilico in acqua salata. Dall'introduzione del filtro denitrificatore, nonstante siano stati ridotti i cambi di acqua, i nitrati si sono ridotti a concentrazioni minori di 5 mg/L, il KH e' costantemente attorno a 10, mentre il pH si mantiene stabile tra 8.1 e 8.2 .

L'illuminazione e' fornita da quattro lampade fluorescenti da 36 W ciascuna, due Biolux e due Philips Aquarelle con riflettori Juwel per uso acquariologico in alluminio trattato. L'accensione totale dura mediamente 12 ore (con leggere variazioni tra estate ed inverno) in cui pero' tutte e quattro le lampade sono accese solo nelle 5 o 6 ore centrali della giornata. L'accensione avviene per gruppi di due lampade attraverso due gruppi elettronici di accensione (1 Osram Quicktronic e 1 Tecna System).
Le lampade inoltre sono disposte molto raggruppate in modo da fornire una luce abbastanza potente al di sotto di esse e lasciare zone meno illuminate o quasi buie ai lati e verso il fondo.

Salinita' dell'acqua: attorno a 34,6 mg/L .
La sabbia e' corallina (dunque non propriamente mediterranea) a grana media su circa 2/3 del fondo ed a grana fine sul rimanente terzo. Lo spessore dello strato e' mediamente di 8 cm, con una certa variabilita' comunque da punto a punto.
Sono presenti in discreta quantita' rocce vive molto porose e ricche di spugne (che si sono moltiplicate anche nelle zone piu' buie della vasca) ed incrostazioni.

La vegetazione di Caulerpa taxifolia (in un certo senso ormai da considerare "mediterranea") e' molto abbondante su tutta la parte maggiormente illuminata.

Tra schiumatoio, insufflatore e pietra porosa nel primo scomparto di uno dei filtri si determina sicuramente un'efficace ossigenazione.
Questo risultato e' voluto in quanto, tenendo presente che non utilizzo alcun refrigeratore, la possibilita' di essere sempre in condizioni di saturazione (od anche leggera sovrassaturazione) garantisce un certo benessere ai pesci anche d'estate, quando la temperatura raggiunge i 28 °C (almeno di giorno) per quasi un mese ed aiuta ad ottenere anche nel periodo notturno una certa
stabilita' al pH.

Ad alcuni potrebbe sembrare che il filtraggio biologico sia eccessivo.
E' in parte vero, ma tenendo presente che gli organismi che ho nei vari anni ospitato sono sempre stati numerosi o molto grandi e famelici e' stato obbligatorio prevedere un efficace filtraggio biologico. Certamente con pochi ospiti di piccola taglia la situazione sarebbe diversa.

Tutti i filtri e lo schiumatoio (tranne il filtro denitrificatore collegato comunque semplicemente da tubicini e posto sotto l'acquario) sono all'interno della vasca solo per non avere complicazioni dal punto di vista idraulico e di altro tipo con un pozzetto esterno.

Anche la scelta di un acquario coperto e' dettata puramente da motivi di praticita' per evitare di dover rabboccare troppo di frequente l'acqua e per coprire le lampade per le quali non avevo trovato nessuna plafoniera sospesa che mi soddisfacesse. Le lampade HQI sarebbero sicuramente adatte come spettro, ma ho preferito le fluorescenti in quanto localmente scaldano molto meno (e nel mio mediterraneo la temperatura tende sempre ad essere abbastanza alta, per cui ogni soluzione che ne possa limitare la crescita, come anche l'uso di gruppi elettronici di accensione, e' da tenere in conto)
e sono anche molto meno care.

I cambi di acqua sono attorno al 5 % ogni mese e saltuariamente abbastanza raramente aggiungo una pastiglia di integratore di oligoelementi e di iodio della Elos.


Ora in acquario gli ospiti sono:
un piccolo riccio introdotto casualmente tre anni fa con le rocce vive;
un paguro (dardanus) piuttosto grande ed invadente;
un ventina di piccoli paguri (di sabbia e di roccia);
un'oloturia, anch'essa clandestina, ma presente nei miei acquari ormai da una decina d'anni;
tre Anthias di circa 7-15 cm.
_____________________
Ciao,
Giovanni Camera Roda ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. )

anthias1.jpg (92116 byte)

anthias2.jpg (61772 byte)

anthias3.jpg (23728 byte)

anthias4.jpg (33333 byte)

Anthias5.jpg (29093 byte)

aragosta.jpg (85311 byte)

Cefali_spigola_cernia.jpg (33090 byte)

cernia.jpg (29254 byte)

Cernia_e_cefali.jpg (50746 byte)

dardanus1.jpg (46450 byte)

dardanus2.jpg (58592 byte)

dotto.jpg (28460 byte)

Epinephelus_guaza.jpg (60404 byte)

paguro1.jpg (47670 byte)

paguro2.jpg (42730 byte)

spigola.jpg (85494 byte)

spirografo.jpg (79706 byte)

tordi.jpg (33189 byte)

 

Le foto fatte in mare di Giovanni Camera Roda

polpo.jpg (38715 byte)

fasciati.jpg (25571 byte) saraghi.jpg (21883 byte) thalassoma.jpg (72182 byte)

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.