Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

Filogeografia di Cladocora caespitosa

Postato in Monografie ed osservazioni

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Stampa
Prefazione di Stefano C.A. Rossi

Leggi articolo ..\06\Cladocora caespitosa.PDF  (649 kb)

Il moderno concetto di specie è legato a quello di popolazione, cioè gruppo di individui entro cui avviene uno scambio di patrimonio genetico. Comprendere i rapporti tra le popolazioni e l’ambiente fisico in cui vivono è uno degli obiettivi dell’ecologia. La biogeografia si occupa invece dello studio della distribuzione degli esseri viventi sulla superficie terrestre, e lega le popolazioni sia agli elementi fisici (correnti, fiumi, barriere naturali ecc) sia alla loro evoluzione nel tempo geologico. La nuova frontiera di queste discipline si rivolge allo studio del patrimonio genetico degli individui, consentendo di fissare correlazioni entro una singola popolazione e tra popolazioni diverse.  Lo studio  dunque non si basa più totalmente  su una accurata descrizione morfologica degli individui e in una trattazione statistica dei parametri individuati, ma si è evoluto in una complessa disciplina che attraverso l’individuazione di marcatori (particolari  sequenze di DNA ben riconoscibili) consente di definire con un alto grado di affidabilità i rapporti di correlazione, parentela e discendenza tra individui e popolazioni. Anche se non si può scientificamente affermare che questi rapporti passano dal rango di  supposizioni al rango di dati veri e propri, è tuttavia accertato che sono di affidabilità superiore e consentono di restringere enormemente il campo della pura speculazione.

Nel caso presentato in  questo articolo lo studio si è rivolto alla specie Cladocora caespitosa ed i risultati, sebbene preliminari, sono di grande interesse. Le ricerche, ancora in corso, portano sostegno oggettivo ad ipotesi avanzate su una provincia biogeografica di grande significato (il  Tirreno settentrionale).

Come appassionati di mare possiamo affermare che queste ricerche  forniscono un ulteriore tassello necessario  a delineare il quadro conoscitivo di base che è di supporto alle strategie di gestione e tutela che, si spera, troveranno sviluppo ed applicazione nell’immediato futuro.

Vai all'articolo ..\06\Cladocora caespitosa.PDF  (649 kb)

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.