Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

LILLY 1 & LILLY 2

Postato in Monografie ed osservazioni

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Stampa

Metà settembre, sono passate le giornate di scirocco che ci hanno tenuto fuori dall’acqua.  Il mare è un olio iridescente ed io, con le dovute cautele, sto accompagnando in mare una signora inglese per il suo battesimo con le bombole: ancora non sa se le piacerà e se vorrà fare il corso. 

  Siamo su una spianata di sabbia a  4m dove vivono parecchi pesci lucertola(Synodus saurus), pesci pettine(Xyrichthys novacula), una seppia(Sepia officinalis)ed i soliti rombi(Bothus podas).  Mentre osserviamo un grosso pesce lucertola (Synodus saurus), vedo avvicinarsi un piccolo rombo femmina: la segnalo alla mia compagna ed immobili, tenendoci per mano, rimaniamo a guardare.  Lilly, battezzata così dal nome del mio cagnolino che mi seguiva fedelmente, si ferma contro il dito della mia mano, fa roteare i suoi occhi a periscopio, ci guarda e becchetta la sabbia proprio davanti alla mano.  Da quel giorno, tutte le volte che sono scesa a fare lezione in quel punto, Lilly mi è sempre venuta incontro: mentre scendevo lungo l’ancora con l’allievo di turno la vedevo avvicinarsi al posto dove sarei “atterrata”.  E’ arrivata ad avere tanta fiducia in me da venirmi a toccare con la pinna dorsale e la bocca.

 Questi incontri si sono ripetuti per quattro anni mentre Lilly diventava sempre più grande.  Ora, purtroppo, non c’è più, chissà se si è solo spostata di fondale o per raggiunti limiti di età: non ho la minima idea di quanto possa sopravvivere un rombo di rena……… Speriamo sia scesa in profondità a nuova vita!

 Ma un bel giorno del 2007, su un fondale sabbioso leggermente più profondo, ma sempre adatto agli esercizi di vestizione e svestizione degli allievi, si materializza un altro rombo di rena, questa volta maschio. Siamo rimasti a guardare mentre tranquillo becchettava la sabbia: non ho saputo resistere alla tentazione di muovere il mio dito con il tipico gesto che si fa per far avvicinare una persona, pensando che tanto lui non avrebbe risposto.  Mi sbagliavo e davanti agli occhi attoniti di noi quattro lui si è diretto verso di me: non poteva che essere soprannominato Lilly 2…..  Fa ancora parte dei miei corsi Open Water e sta crescendo pure lui: chissà se mi confermerà la tesi che raggiunta una notevole taglia il rombo scende in profondità?  Lo spero anche se poi mi mancherà!

 Mérou

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.