Stampa

Cos'e'? Aiutateci a dargli un nome

Scritto da AmslerNop. Postato in Monografie ed osservazioni

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

3Questo organismo e' stato fotografato da Edoardo Ruspantini  a -50 m a Punta Campanella (Massa Lubrense - Na) il 23 aprile 2011

Se avete idea di cosa possa essere potete contattare la redazione di questo sito o commentare in basso. Grazie

Aggiornamento:

Il mistero è stato svelato dal professore Roberto Sandulli, biologo marino dell’Università Parthenope, che è stato interpellato dai responsabili della riserva marina. La sfera gelatinosa, ha chiarito l’esperto, non è un ufo, ma è una grossa teca ovarica di calamaro, che contiene migliaia di uova. Casi simili finora si sono visti solo in Norvegia, Nuova Zelanda e Croazia. Mai, sembra, in Italia. Si tratta, quindi, di un ritrovamento eccezionale che sta facendo discutere la comunità degli appassionati e dei ricercatori.

Un anno fa un ammasso simile era stato segnalato anche a Portofino. Nell'agosto 2010 i biologi dell'Area Marina Protetta di Portofino non erano riusciti a riconoscere il misterioso oggetto fotografato da Simone Ulzega, esperto subacqueo, a circa trenta metri di profondità nei pressi della Secca dell'Isuela.

Secondo Sandulli potrebbe addirittura trattarsi della teca di un calamaro gigante del genere Architeutis.

Foto di Edoardo Ruspantini

Foto di Edoardo Ruspantini

Foto di Edoardo Ruspantini

Foto di Edoardo Ruspantini

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.