Ultimi articoli pubblicati

biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
report-progetto-caulerpa-cylindracea-egadi-islands

Report Progetto "Caulerpa cylindracea Egadi Islands"

di Paolo Balistreri -- Il 31 agosto 2016 si è concluso il Progetto "Caulerpa cylindracea Egadi Islands" di scienza partecipata, inerente il monitoraggio dell'alga verde invasiva...Leggi tutto
Stampa

Cogia di Owen (Kogia sima)

Postato in Monografie ed osservazioni

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Stampa

Info generali

Il cogia di Owen (Kogia sima) è una delle tre specie di odontoceti della famiglia Physeteridae. La maggior parte delle informazioni su questa creatura proviene dallo studio degli esemplari spiaggiati.

 

1

 

Classificazione Tassonomica

Dominio: Eukaryota 

  Regno: Animalia 

  Phylum: Chordata 

  Classe: Mammalia 

  Sottoclasse: Eutheria 

  Ordine: Cetacea

  Sottordine: Odontoceti

  Famiglia: Physeteridae 

  Genere: Kogia

 Specie: K. sima 

 

 

Kogia sima 

Descrizione fisica

Il Cogia di Owen raggiunge i 2,7 m di lunghezza e i 250 kg di peso. Nell’aspetto è molto simile al suo cugino, Cogia di De Blainville. L'identificazione in mare di queste due specie è quasi impossibile; comunque, il Cogia di Owen è leggermente più piccolo rispetto all’altra specie e presenta una pinna dorsale considerevolmente più grande. Il corpo è solitamente grigio bluastro con le regioni inferiori più chiare, su cui possono essere visibili striature leggermente gialle simili a venature. Dietro ad ogni occhio è presente una falsa branchia bianca. Le pettorali sono molto brevi e larghe. La punta del naso si proietta sulla mascella inferiore, che è piccola. Hanno lunghi denti ricurvi e acuminati (da 0 a 6 nella mascella superiore, tra 14 e 26 in quella inferiore). Come gli altri fiseteridi, il Cogia di Owen ha un organo detto "spermaceti" nella fronte, e come il K. breviceps, è in grado di espellere una sostanza rossastra scura quando viene spaventato o attaccato – si ritiene l’espulsione sia per disorientare i suoi eventuali predatori .I Cogia di Owen sono creature solitamente solitarie.

 

Alimentazione

Si nutre principalmente di calamari e granchi.

 

Distribuzione

Ama le acque profonde, ma è più costiero rispetto al Cogia di De Blainville. Il suo habitat preferito sembra sia rappresentato dalle acque subito oltre la piattaforma continentale. Nell'Atlantico sono stati osservati spiaggiamenti in Virginia, negli Stati Uniti, ad ovest e in Spagna ad est e a sud fino al Brasile meridionale e all'estremità dell'Africa. Nell'oceano Indiano sono stati ritrovati esemplari sulle coste meridionali dell'Australia e in molti luoghi lungo le coste settentrionali dell'oceano Indiano - dal Sudafrica fino all'Indonesia. Nel Pacifico l'areale conosciuto comprende le coste giapponesi e la Columbia Britannica.

 

Ritrovamenti nel Mediterraneo

Alcuni esemplari spiaggiati sono stati rinvenuti anche in Mediterraneo. L’esemplare nella foto di intestazione venne trovato qualche anno fa spiaggiato ancora vivo in Sicilia ed alle operazioni per tentare di salvarlo parteciparono diversi enti tra cui un’equipe veterinaria dell’acquario di Genova.. Si trattava di un giovane individuo che presentava evidenti problemi a rimanere a galla e di orientamento. Venne tenuto per qualche giorno in una piscina gonfiabile montata sulla stessa spiaggia dove venne trovato. Dopo qualche giorno mori' nonostante si intervenne rapidamente. Quello fu l'unico caso di spiaggiamento di Cogia vivo in Mediterraneo.

www.necton.it - www.acquariomediterraneo.it

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.