Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

Baia di Soverato e dintorni

Postato in Monografie ed osservazioni

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Stampa
Foto sub estate 2009 - Parliamo di biodiversità della costa ionica Calabrese, ho scelto alcune foto scattate nella baia di Soverato e in zone sabbiose o rocciose comprese nell'ambito di qualche chilometro dalla cittadina dello Ionio, per sottolineare la diversità di ambienti marini presenti.  

Si passa dal fondale completamente sabbioso-ciottoloso o di dimensione "sugar" ad ambienti misti con grossi agglomerati di rocce quindi a zone tipicamente di scogliera a picco; ci sono tratti poi in cui si trovano varie Fanerogame marine (piante vere e proprie come Posidonia e Cymodocea) che costituiscono un vero "asilo nido" per varie specie ittiche, quindi è fondamentale cercare di tutelarle per evitare che si riduca la popolazione di numerose specie di pesci.

Per quanto riguarda strettamente la Baia di Soverato, da sottolineare la presenza dell'Ippocampo con entrambe le specie:
-Hippocampus hippocampus
-Hippocampus guttulatus
La particolare conformazione della baia risulta evidentemente molto gradita ai piccoli Signatidi; anche questa estate ne ho avvistati almeno 2-3 esemplari ad ogni immersione, e ci tengo a dire che io mi immergo in apnea ad una profondità massima di 10 mt, anche le foto allegate all'articolo sono state scattate in apnea e ad una profondità media di 4-5 mt.
La presenza degli Ippocampi è anche un indice della qualità dell'acqua di questo tratto di costa Ionica, il cavalluccio marino è un pesce molto sensibile all'inquinamento, non si trova in acque che manifestano problemi evidenti sotto questo aspetto.
In generale dalle foto si evince una ricchezza di specie non indifferente,considerando che sono una piccola parte...non potevo inserire tutti gli organismi che ho immortalato per ovvi motivi di spazio.
La presenza di "cigliate" e "secche" prossime alla costa e di zone con scogliere a picco limitrofe contribuisce ad arricchire il numero di specie che frequentano questi habitat.
 

 

p1100180

p1100402

p1100395

 

p1100426

p1100431

p1100454

p1100459

p1100564

p1100577

p1100582

p1100627

p1100687

p1100768

p1100791

p1100869

p1100893

 

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.