Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

La legge sulla distanza minima per la pesca in apnea va cambiata

Postato in News dal Med

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Stampa

In questi giorni la Federazione Italiana Pesca in Apnea ha inviato all’On. le Altero Matteoli - MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI , ed All’ On. le Francesco Saverio Romano - MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI una Istanza di promozione di un progetto di legge per l’abrogazione o la riforma delle norme che regolano la distanza minima alla quale i pescatori in apnea devono tenersi dalle coste.

Tali norme attualmente sono in forte contrasto con quelle che regolano la distanza minima a cui devono tenersi imbarcazioni e natanti.
Infatti la pesca subacquea non può mai essere praticata a distanza inferiore da 500 metri dalle spiagge frequentate da bagnanti mentre al contrario la navigazione da diporto è consentita a distanze che variano tra un massimo di 300 metri e, in alcuni casi, un minimo di 100 metri, in quanto regolate dalle Capitanerie di Porto a seconda delle specificità morfologiche delle coste.

“Con l’attuale legislazione i praticanti della nostra disciplina sono messi a rischio dallo stesso rispetto delle leggi perché i pescatori in apnea che partono da terra per giungere alla distanza minima di 500 metri dalla costa sono costretti ad attraversare intere fasce di mare nelle quali, causa una maggiore distanza dai bagnanti, le imbarcazioni da diporto procedono a velocità elevate esponendo i pescatori in apnea a pericoli per la propria sicurezza e incolumità facili da immaginare. Vorremmo che la regolamentazione per la pesca in apnea preveda una distanza minima di 100 metri al posto degli attuali 500. Ci auguriamo di poter incontrare al più presto i Ministri competenti per esporre le nostre perplessità sull’argomento e cercare insieme una soluzione.” , sottolinea il presidente Fulvio Calvenzi.

Tale azione, mirata ad aumentare la sicurezza dei pescatori in apnea, ma anche di tutti i bagnanti in genere, vuole cercare di ridurre il numero degli incidenti in mare provocati dalle imbarcazioni da diporto nei confronti dei bagnanti, che, come emerge ogni anno dalla cronaca giornalistica, sono numerosissimi, molti dei quali gravissimi o mortali.

Sebbene richieste in questo senso non siano una novità, F.I.P.I.A. ha ritenuto fosse il momento di un intervento formale e diretto, in cui delle proposte concrete venissero poste all’attenzione dei Ministri competenti.

La versione integrale dell’ istanza è visibile al seguente indirizzo:
Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.