Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

Guida alle Tegnue di Chioggia nuova edizione 2012

Postato in News dal Med

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Stampa

Guida-Tegnue-itLe Tegnùe di Chioggia - I “reef” dell’Adriatico 

 

La storia
Fin dal XVIII secolo era già nota la presenza di rocce sommerse al largo delle coste nord Adriatiche italiane, come testimoniano gli scritti dell'abate Giuseppe Olivi (1792). I pescatori locali le hanno sempre chiamate "Tegnùe" per la loro capacità di trattenere e rompere le reti. Anche se temuti per i danni che possono arrecare, questi fondali sono sempre stati apprezzati per la loro elevata pescosità. Tegnùe ve ne sono un po' in tutto l'Adriatico settentrionale, a profondità variabili dai 15 ai 40 metri. Hanno dimensioni che vanno dai piccoli massi isolati fino a formazioni estese per centinaia di metri. Le Tegnùe sono rocce organogene carbonatiche, cioè costruite dagli organismi marini, generalmente sovrimposte a substrati duri precedentemente formatisi per il consolidamento di sabbie. Si tratta in pratica di veri e propri "reef" naturali, svilluppatesi negli ultimi 3-4.000 anni, e che differiscono da quelli tropicali perché i principali organismi costruttori qui non sono i coralli, ma bensì le alghe rosse calcaree, chiamate "Corallinacee".Nasce l’Associazione che gestisce l’area
L'Associazione Tegnùe di Chioggia - onlus, nasce dall'incontro di persone animate dalla passione per il mare, consapevoli della necessità di unire le forze per studiare, valorizzare e proteggere l'ambiente straordinario e ancora poco conosciuto delle Tegnùe, particolarmente estese al largo di Chioggia. Grazie al progetto, predisposto dal sub padovano Piero Mescalchin, corredato da materiale scientifico, fotografico e filmico, il 14 settembre del 2000 il Consiglio Comunale di Chioggia approva l'istituzione di un'area protetta delle Tegnùe, e ne presenta richiesta al Governo. Il 5 agosto del 2002 con Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, l'Area delle Tegnùe di Chioggia viene quindi dichiarata "Zona di Tutela Biologica", introducendo così il divieto di qualsiasi attività di pesca.L'istituzione di una zona di divieto di pesca però non può, da sola, garantire una corretta difesa e gestione di questo patrimonio naturalistico; occorre una risposta concreta e attiva a questo problema, attraverso il coinvolgimento della città di Chioggia e della sua gente. Il 4 dicembre del 2002 viene quindi costituita l'Associazione "Tegnùe di Chioggia", che riunisce nel suo comitato tecnico i rappresentanti del mondo della ricerca, delle associazioni dei pescatori, degli operatori turistici e dei circoli subacquei della zona.Il primo atto dell'Associazione fu quello di presentare alla Regione Veneto, con la collaborazione di tutti i componenti del direttivo e del Comitato Tecnico Scientifico, un progetto triennale per la conoscenza, valorizzazione e gestione della zona di tutela biologica. La completezza e l'alta professionalità dimostrata ottengono subito il sostegno economico necessario. Il progetto, avviato nel luglio 2003, prevede aspetti divulgativi ed educativi, la predisposizione di ormeggi, percorsi subacquei e la sperimentazione di una gestione che consenta una fruizione turistica eco-compatibile e sostenibile. Gli aspetti scientifici, comprendenti la caratterizzazione dei fondali e il monitoraggio dello stato dei popolamenti per valutare l'efficacia degli interventi di gestione, sono sviluppati da diversi Istituti di ricerca, nel pieno della loro autonomia e nell'ambito di un protocollo d'intesa comune. L'Associazione fornisce ove possibile il proprio supporto di mezzi e persone e, attraverso il finanziamento della Regione, sostiene con borse di studio la formazione di giovani laureati. 

L'Istituto Centrale per la Ricerca scientifica e tecnologica Applicata al Mare (ICRAM), con la sua nave oceanografica, si è occupato dei rilievi geomorfologici, con Side Scan Sonar, su tutta l'area realizzando una preziosa mappa sia degli affioramenti rocciosi sia delle tracce della pesca a strascico. Attualmente si occupa del sistema informativo territoriale e delle problematiche legate alla pesca. Il Centro di Ricerche Ambientali dell'Università di Bologna ha realizzato la caratterizzazione dei siti di studio con ricostruzioni tridimensionali del fondo e campionamenti fotografici non distruttivi per valutare la distribuzione a larga scala della fauna epibentonica, mentre la Stazione Idrobiologica dell'Università di Padova si sta occupando dell'analisi qualitativa e quantitativa della fauna ittica.  L’istituto di Geoscienze e Georisorse (IGG) del CNR di Padova ha sottoposto dei campioni di roccia organogena prelevati dalle Tegnùe di Chioggia a indagini petrografiche, mineralogiche e chimiche. L'Istituto per le Scienze del Mare (ISMAR) del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Venezia contribuisce ad inserire le informazioni scientifiche raccolte nella zona di Chioggia, nel contesto più ampio dell'Adriatico settentrionale. L'Associazione sta facendo molto anche sul piano dell'educazione e della divulgazione ambientale. Oltre alla realizzazione di materiale informativo e del Sito Internet www.tegnue.it, con la consulenza di esperti dell'Università di Padova ha realizzato un progetto educativo completo per le scuole elementari. Nel kit che la Regione Veneto ha distribuito a tutte le quarte classi vi sono: un filmato in DVD che introduce alla scoperta del "Regno marino delle Tegnùe", una favola ed un libro di giochi.Per quanto riguarda la fruizione turistica, sono state varate 12 boe luminose all'interno della zona di tutela. Le boe, non solo testimoniano l'esistenza della riserva, ma sono anche il primo passo per una fruizione turistica compatibile con il rispetto dell'ambiente. Ormeggiando alle stesse, invece di ancorare, si evitano danni alle delicate rocce carbonatiche e agli organismi che vi crescono sopra. Le mappe e i percorsi guidati, predisposti dai diversi club, conducono i subacquei nei punti di maggiore interesse aumentando anche la sicurezza dell'immersione.

Nella Zona di Tutela Biologica le Capitanerie di Porto di Chioggia e Venezia, sulla base del decreto istitutivo, hanno emesso un’ordinanza che vieta qualunque forma di pesca, che professionale sia sportiva, la raccolta degli organismi del fondo, l’ancoraggio e l’immersione al di fuori delle boe predisposte. Questi provvedimenti sono finalizzati a preservare sia le specie d'interesse commerciale sia l'ambiente che le ospita. La creazione di una zona di riproduzione e ripopolamento col tempo potrà alimentare le aree circostanti garantendo il mantenimento della redditività della pesca.

La maggiore conoscenza di questi luoghi potrebbe però portare ad un aumento della pressione antropica data da subacquei e pescatori di frodo, con conseguente sovrasfruttamento e degrado ambientale. Per questo è necessario un regolamento d'accesso che, grazie alla collaborazione delle Forze dell'Ordine e delle Autorità locali, controlli l'ancoraggio indiscriminato, il numero di subacquei e imbarcazioni per ciascun ormeggio, la pesca di frodo e la discarica di rifiuti. A contrastare queste azioni, contribuisce anche l'opera di sensibilizzazione promossa dall'Associazione nei confronti di turisti, pescatori e Autorità locali.  

I punti di immersione

mappa-boe-2011_web_loghi_nomi

 Per l'accesso ai punti di immersione consulta la normativa, il regolamento e il calendario degli accessi.

Diving consigliati

ISAMAR DIVING CENTER
c/o Villaggio Turistico Isamar
Isolaverde di Chioggia (Ve)
Cell. (+39) 335 5201213
www.villaggioisamar.com
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


M/Y - MARLINONE
Porto Levante (Ro)
Luigi Bertarelli
Cell. (+39) 338 4207849
Tel. Fax (+39) 0533.381269
www.cseneveneti.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


DIVING CENTER TEGNUE
Per informazioni:Rossano
Cell. (+39) 328 4586433
Cell. (+39) 338 5216060
www.divingtegnue.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


CLUB SOMMOZZATORI PADOVA
Solo per associati
Marina del sole
Brondolo - Chioggia (Ve)
Cell. (+39) 328 1542948

Camere iperbariche
A.T.I.P.
Associazione Tecnici Iperbarici
Via Cornaro Alvise, 3
35128 Padova
Tel.: (+39) 049 8070843
Fax: (+39) 049 8071939
Servizio 24h su 24h

O.T.I. Services
Via delle Macchine,51/3
30175  Marghera (Ve)
Tel.: (+39) 041 5381182
Tel.: (+39) 041 5387252
Fax: (+39) 041 921969   
e-mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.otiservices.it
Servizio 24h su 24h

Notizie utili
La bassa profondità, l’apporto di acqua dolce dei fiumi e l’irradiamento solare estivo, portano alla stratificazione della colonna d’acqua con conseguente termoclino a volte molto evidente.
La temperatura dell’acqua sul fondo è piuttosto fredda anche nel periodo estivo; quindi si consiglia una muta di 5 mm. Mentre nel periodo invernale la temperatura può scendere anche sotto i 10°C .
La trasparenza dell’acqua  dipende da molti fattori e può variare da zona a zona anche durante l’arco della giornata. Tra le cause principali che possono intorbidire l’acqua vi sono le condizioni meteorologiche, in modo particolare il mare da scirocco che, data la poca profondità tende a sollevare i sedimenti fangosi del fondo. La stagione migliore, sia per la ricchezza di fauna e flora sia per la trasparenza dell’acqua, è il periodo invernale e primaverile.
 
Consigli per le immersioni
Effettuata la discesa lungo la cima  dell’ormeggio, una volta arrivati sul fondo ci si trova su blocco del corpo morto dal quale partono la o le cime che portano direttamente ai percorsi . La differente tipologia di cime usate consente di distinguere facilmente  quest’ultimi dal resto consentendo quindi l’identificazione del percorso di ritorno.  I singoli percorsi sono provvisti di frecce segnaletiche indicanti direzione e lunghezza della distanza che separa dalla via del ritorno.
Attenzione!! non è garantita l’integrità dei percorsi per i possibili danni causati da ancore. A tal proposito sono importanti eventuali segnalazioni via e-mail all’indirizzo:
- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.