Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

Attrezzature da pesca consentite dalla normativa vigente in Italia

Scritto da AndromakusNop. Postato in Per la salvaguardia del Med

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Stampa

 

L'articolo prevede una raccolta di documentazione atta a stabilire quale sia la normativa vigente, in relazione agli attrezzi per la pesca in Italia, e come comportarci in relazione ad essa.

 

 

Attrezzature da pesca consentite dalla normativa vigente in Italia

 

Le attrezzature da pesca vengono stabilite attraverso una legge e un decreto attuativo:

Legge n° 963 del 14 luglio 1965

D.P.R. n° 639 del 2-10-1968

 

Gli strumenti per la pesca vengono classificate in:

  1. trappole fisse o mobili: le fisse sono quelle ancorate tipo tonnare, lavorieri, mugginare e saltarelli. Sono mobili quelle che vengono calate in mare per ogni singola operazione di pesca e risalpate dopo breve sosta quali le nasse, bertovelli.
  2. Strumenti azionati a mano o da altra forza motrice atti a agganciare singoli esemplari di organismi marini, quali, fiocine, arpioni.
  3. strumenti e apparecchi atti a strappare dal fondo marino organismi sessili o comunque annidati nel substrato, quali ingegni, rastrelli, raffi, pale, picconi.

 

 

Articoli interessanti della legge sono:

 

 

ARTICOLO 115: Reti da lancio

  • E' consentito l'impiego di tutti i tipi di reti da lancio, come "giacchio", "sparviero", "rezzaglio" e simili, senza alcun limite di dimensione delle maglie.


ARTICOLO 128 bis: Esercizio della pesca subacquea sportiva

  • La pesca subacquea sportiva è consentita soltanto in apnea senza l'uso di apparecchi ausiliari di respirazione. Di questi ultimi è consentita l'utilizzazione solo per finalità diverse dalla pesca.
  • Il pescatore sportivo subacqueo non può raccogliere coralli, molluschi e crostacei.


A questo proposito bisogna dire che l'articolo è generico e và approfondito. Per questo vi rimando direttamente alla pagina curata dal Dott. Giorgio Volpe che bene chiarisce la situazione:

 http://www.apneamagazine.com/limiti-cattura.html

 

ARTICOLO 138: Attrezzi individuali e non individuali consentiti per la pesca sportiva

Gli attrezzi individuali e non individuali consentiti per la pesca sportiva sono:

  1. coppo o bilancia;
  2. giacchio o rezzaglio o sparviero;
  3. lenze fisse quali canne a non piú di tre ami, lenze morte, bolentini, correntine a non piú di seiami, lenze per cefalopodi, rastrelli da usarsi a piedi;
  4. lenze a traino di superficie e di fondo e filaccioni;
  5. nattelli per la pesca in superficie, fucile subacqueo, fiocina a mano, canna per cefalopodi;
  6. parangali fissi o derivanti; nasse.

 

 

ARTICOLO 140: Limitazioni d'uso degli attrezzi

L'uso degli attrezzi per la pesca sportiva è soggetto alle seguenti limitazioni:

  1. non possono essere utilizzate bilance di lato superiore a 6 metri;
  2. non può essere utilizzato giacchio o rezzaglio o sparviero di perimetro superiore a 16 metri;
  3. non possono essere usate piú di 5 canne per ogni pescatore sportivo;
  4. il numero degli ami dei parangali complessivamente calati da ciascuna imbarcazione non deve essere superiore a 200 qualunque sia il numero delle persone presenti a bordo;
  5. non possono essere calate da ciascuna imbarcazione piú di due nasse qualunque sia il numero delle persone presenti a bordo;
  6. è vietato l'uso di fonti luminose ad eccezione della torcia utilizzata nell'esercizio della pesca subacquea. Nell'esercizio della pesca con la fiocina è consentito l'uso di una lampada.

 

 

ARTICOLO 142: Limitazioni di cattura

Il pescatore sportivo non può catturare giornalmente pesci, molluschi e crostacei in quantità superiore a 5 Kg complessivi salvo il caso di pesce singolo di peso superiore. Non può essere catturato giornalmente piú di un esemplare di cernia a qualunque specie appartenga.

 

Inoltre per quanto riguarda il riccio di mare, la sua pesca è consentita esclusivamente in apnea e solo da Gennaio ad Aprile e da Luglio a dicembre. Il pescatore sportivo non può raccogliere più di cinquanta esemplari al giorno, pena l'usuale sanzione da 516 a 3098 euro, inferta anche a chi raccoglie i ricci nei mesi di Maggio e Giugno.

 

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.