Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

Come attaccare una gorgonia ad una roccia

Scritto da Paolo Del Manzo. Postato in Tecnica e fai da te

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Stampa

probabilmente non dico una cosa nuova a chi da anni si occupa di acquario mediterraneo, tuttavia, nel dubbio che a qualcuno possa interessare...
Il problema è rappresentato da gorgonie, ascidie, spirografi e quant'altro vive attaccato ad una roccia, che spesso troviamo difficile da collocare in acquario perchè costretti ad "incastrarlo" in buchi o fra pietre, per far sì che possa fare bella mostra di sè.

Spesso (io non sono un sub, anzi non so neppure nuotare...) quando acquistiamo gorgonie ecc. in negozio, l'animale ci viene venduto attaccato ad un minuscolo residuo del substrato che lo sosteneva.
Per la collocazione in acquario io uso del normale cianoacrilato in gel (che sia in gel è fondamentale) acquistabile dovunque e procedo così (uso una gorgonia a titolo di esempio).
1) individuo tra le rocce dell'acquario quella dove voglio posizionare la gorgonia, scegliendola, possibilmente, tra rocce dalla superficie non troppo rugosa o friabile.
2) utilizzando un qualsiasi strumento ripulisco l'area della roccia prescelta dove andrà incollata la gorgonia da tutto ciò che vi è depositato sopra, riportandola, tendenzialmente, a "vergine".
3) tenendo la gorgonia a "testa" in giù nell'acqua e facendo emergere soltanto la superficie della sua base (quella che andrà a contatto con la roccia) asciugo delicatamente tale superficie con uno scottex
appallottolato, tamponando più volte la superficie.
4) sempre tenendo ferma la gorgonia (ovviamente in due si agisce meglio) metto un grumo di collante dello spessore di 2 o3 millimetri sulla superficie appena asciugata
5) premo la base della gorgonia con la colla contro il punto di incollaggio prescelto senza più muoverla ed esercitando una pressione costante per almeno un minuto (nel senso letterale di almeno sessanta secondi)
6) il "tallo" bianco che si forma, brutto da vedersi all'inizio, si copre con il tempo di alghe e si uniforma alla roccia.


      L'ultimo incollaggio l'ho fatto una anno e mezzo fa. La gorgonia è lì, a sbalzo su una roccia, nessuno sembra aver risentito dell'operazione, ne' vertebrati ne' invertebrati (lo desumo dal fatto che sono sempre gli stessi da allora). Il "tallo" bianco si è ricoperto di sedimento e alghe ed è ormai indistinguibile dal resto della roccia. Idem per l'altra gorgonia.
Ribadisco che è importante che il cianoacrilato sia in gel, quello liquido è inutile, che non si tentino adattamenti di posizione durante l'incollaggio e che la pressione esercitata durante l'incollaggio sia costante e duri almeno, ma almeno, un minuto.
          Se la superficie della roccia risultasse "difficile" si può procedere così:
partendo dal punto 5) si attendono venti o trenta secondi poi si ristacca la gorgonia. La si riporta in superficie come al punto 3) e si lascia asciugare un minuto la colla all'aria (senza usare scottex o altro). La colla consolidata farà da contro-stampo del punto della roccia scelto per l'incollaggio. A questo punto si rimette altra colla sulla colla asciutta e si procede all'incollaggio definitivo.
Badate bene che centrare il punto prescelto in acquario non è facile. Se possibile sarebbe meglio operare trasferendo roccia e gorgonia in un secchio o in una bacinella.
Il sistema funziona ovviamente benissimo anche per le alghe che abbiano conservato un pezzo di substrato.
Se qualcuno tenta mi faccia sapere.
Grazie
Paolo Del Manzo

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.