Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

Come rigenerare le resine anti-fosfati,

Postato in Tecnica e fai da te

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Stampa

Ecco uno estrapolato da un articolo apparso sulla rivista di acquariofilia Hydra numero 17:

 Di seguito riportiamo, alcune precisazioni e i punti salienti del procedimento che è molto semplice.

 

- Usate solo recipienti in vetro, in quanto è un materiale che non partecipa mai alle reazioni.

- Sciacquate il contenitore e la resina solo con acqua d’osmosi o distillata, poiché i sali contenuti nell'acqua di rubinetto, reagirebbero creando l'effetto di bloccare o rallentare la reazione.

Procedimento:

  1. Sciacquare la resina esaurita con acqua distillata e lasciarla asciugare, in modo da eliminare le impurità

  2. Riporre la resina asciutta in un recipiente di vetro e aggiungere acqua ossigenata, 40 vol. (utilizzata dai parrucchieri, in confezioni da un litro) seguendo le quantità riportate in tabella

  3. Lasciarla a bagno il tempo necessario perchè ritornino al loro colore bianco neve, può passare da circa 30 giorni usando l'acqua ossigenata a 12 volumi della farmacia, a 2 o 3 giorni con quella a 40 volumi o alcuni secondi con soluzioni a base di acidi forti, sconsigliabile a chi non è esperto data la pericolosità degli acidi in questione;

  4. Quando la resina avrà riacquistato il suo colore bianco sciacquarla con acqua distillata in un colino, in modo da separarla dal residuo formatosi durante il trattamento;

  5. Mettere la resina così trattata ad asciugare ed eccola come nuova!

Utilizzando tale procedimento abbiamo ottenuto, un risparmio pari al  90%  sul  prezzo di mercato della resina attiva per i fosfati.

Riportiamo inoltre una tabella, su cui sono riportate le quantità di resina da rigenerare e le quantità d’acqua ossigenata a 40 volumi necessaria per il trattamento. 

Tabella

Quantità di resina (g)

Quantità d’acqua ossigenata (ml)

430

1300

100

300

50

150

25

 75

come tempi di attesa sono molto ridotti, si riesce a rigenerare una resina non eccessivamente esaurita in meno di 2 giorni.

Ovviamente se avete usato trattamenti a base di solfato di rame troverete la resina di colore azzurrino, per poterla riportare a colore normale si devono usare soluzioni con acidi forti ( es. soluzione al 10% di H2SO4 acido solforico). Questo metodo vale per le resine contro i fosfati di qualunque marca siano, dato che sono tutte le stesse. Per la rigenerazione di altre resine, come quella per i nitrati, ancora stiamo lavorando.

Se avete bisogno di chiarimenti mi trovate sul forum di AIAM

ciao Pietro Grassi - CT

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.