Ultimi articoli pubblicati

il-blennide-e-lo-squalo

Il blennide e lo squalo

di Paolo Balistreri -- Sulla riva si infrangeva la risacca ed il mare portava via granelli di Dendropoma petraeum portati via dall’abrasione del moto ondoso. Era da tanto che...Leggi tutto
biodiversity-journal-2016-7-4-907-912

Biodiversity Journal, 2016, 7 (4): 907–912

di Anna Maria Mannino1*, Stefano Donati2 & Paolo Balistreri1 -- The Project “Caulerpa cylindracea in the Egadi Islands”: citizens and scientists working together to monitor marine alien species   Scarica l'allegato...Leggi tutto
Stampa

Un filtro per il Mini-Med - Ibrido: (Biologico - Wet-dry)

Postato in Tecnica e fai da te

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Stampa

La premessa era la realizzazione di un filtro che potesse gestire un piccolo mediterraneo, e avesse bisogno di  pochissima manutenzione, considerato che chi mi ospita la vasca  ha pochissima dimestichezza con questo genere di cose.  

 

 

 

Il filtro è costituito da una mini-pattumiera da bagno in PVC, totale lordo quasi 11 litri, alla quale ho tappato il foro sul fondo e applicato una percola centrale in plexiglass. Grossomodo il funzionamento è questo:

1. L’acqua entra nel filtro tramite una semplice U rovesciata innescata, passa con flusso dal basso verso l’alto attraverso una bottiglia di plastica a cui ho tagliato la parte di sopra e che ho riempito di lana di perlon. Unico sistema di manutenzione previsto è appunto questo, la lana di perlon, facilmente accessibile, andrebbe periodicamente tolta e pulita e rimessa nella bottiglia

La Bottiglia è inserita dentro un'altra, più grande, a cui ho tagliato il fondo e la parte superiore. Quest’ultima mi permette di reindirizzare il flusso verso il basso.

2. Superato questo cilindro l’acqua tende a salire attraversando una parte di conchiglie grosse e una di conchiglie più piccole. Oltrepassa la paratia e attraversa un sacchetto con altre conchiglie triturate a pezzatura media.

3. Attraversa un altro sacchetto con dell’argilla espansa e si infila nei cannolicchi di ceramica, a questo punto viene risucchiata e ributtata in vasca.

4. Non tutta l’acqua ritorna però nell’acquario. Sul tubo di uscita dalla pompa, ho praticato un innesto per un altro tubicino più piccolo che mi permette due cose: 1° (ruotandolo) di dosare l’immissione del ritorno in vasca, 2° di ributtare parte dell’acqua (con caduta dall’alto a cascata) sul sacchetto di conchiglie nella prima paratia. Questo sacchetto è per 2/3 all’asciutto, così facendo si dovrebbe verificare una sorta di effetto asciutto - bagnato aumentando di conseguenza la resa totale del filtro.

 

Il filtro lavora a livello di conseguenza non ci sono problemi in caso di black-out e la U rovesciata, a condizione che non venga sollevata oltre il livello dell’acqua, rimane sempre sotto innesco. L’innesco iniziale viene ottenuto riempiendo completamente la U di acqua. Per fare ciò è necessario incollare un tubicino di silicone trasparente da 4/5 mm al centro della U. Una volta certi che il tutto non presenta infiltrazioni d’aria, basterà aspirare tutta l’aria dallo stesso tubicino e poi tapparlo.

By Antonello Cau

Aprile 2002

Stampa

Questo sito utilizza cookie. Continuando a consultare AMM, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.